Baia domizia

Alghe Rosse Rhodophyceae

Baia Felice e Baia Domizia : Ancora Fenomeno Eutrofizzazione ed Alghe Rosse sul Litorale

Alghe Rosse Rhodophyceae

Alghe Rosse Rhodophyceae

Ritorna sul nostro litorale quello di Baia Domizia  e Baia Felice  la PRESENZA ECCESSIVA DI ALGHE ROSSE che è una questione puramente estetica, visto che le specie di alghe rosse in oggetto (sono proprio alghe rosse cioè Rhodophyceae) appartengono ai generi Ceramium e Polysiphonia e non arrecano nessun danno alla salute pubblica.

La causa è L’ EUTROFIZZAZIONE : con questo termine si intende l’eccessivo accrescimento di piante acquatiche grazie ad una condizione di ricchezza in sostanze nutritive (nitrati e fosfati) in mare.
Quindi per effetto della presenza di dosi troppo elevate di sostanze nutritive come azoto o fosforo o zolfo provenienti da fonti naturali o antropiche (come i fertilizzanti, alcuni tipi di detersivo, gli scarichi industriali, e sopratutto quelli civili) avviene  il conseguente degrado dell’ecosistema.

L’accumulo di elementi come l’azoto e il fosforo causa il fenomeno dell’eutrofizzazione, cioè la proliferazione di alghe microscopiche che determinano una maggiore attività batterica e aumentano così il consumo di ossigeno.

Nei processi di eutrofizzazione si assiste, all’inizio, a un’altissima produzione vegetale, che dà luogo al fenomeno delle “fioriture” di microalghe; in concomitanza con favorevoli condizioni fisiche (alte temperature, stratificazione delle masse d’acqua), si verifica anche la produzione di essudati organici, causata dallo spropositato apporto di sostanze nutritive provenienti dai terreni agricoli (sottoposti a frequenti lavorazioni meccaniche e concimazioni) e dalle acque di scarico inquinanti riversate nei torrenti e quindi in mare.

Anche gli effluenti rilasciati dagli impianti di depurazione contengono spesso elevate quantità di fosforo.

Per contrastare l’eutrofizzazione sono necessari interventi che riducano gli afflussi di nutrienti ai corpi idrici (riduzione dei fertilizzanti in agricoltura, aumento della depurazione degli scarichi civili ed industriali, trattamento delle acque di scolo delle colture tramite agenti sequestranti ed impianti di fitodepurazione).

Tra i maggiori responsabili dell’eutrofizzazione vi sono i detergenti che contengono fosfati; tali composti vengono aggiunti per diminuire la durezza delle acque urbane che, per la presenza di Calcio, rendono il detersivo meno efficiente. In Italia, per legge, la percentuale di composti di fosforo contenuti nei detersivi non può superare il 6,5%.

Si ritiene che il riscaldamento globale contribuirà a peggiorare il fenomeno dell’eutrofizzazione.  Il riscaldamento delle acque superficiali infatti fa diminuire la solubilità dei gas (e quindi anche dell’ossigeno).

I pescatori, come sempre, sentinelle del mare e dei fenomeni che modificano l’ecosistema marino, sono i primi a segnalare eventi che altri devono preannunciare : ci sono Enti ed Aziende preposte che vengono pagati per fare questo lavoro di monitoraggio e controllo, tutelando la Nostra Salute e quella del nostro mare.

BAIA FELIX a nome di tutta la comunità si augura di poter contribuire insieme agli Enti Pubblici Locali, Regionali e Governativi, affinche’ si possa lanciare uno studio scientifico multidisciplinare teso a spiegare e sopratutto a frenare se possibile, questo fenomeno. 

IMG-20120527-00572-e1338765519190 (1)

ORDINANZA DEL SINDACO DI CELLOLE E AL CONSORZIO AURUNCO DI BONIFICA PER GLI SGRIGLIATORI AL TRIMOLETTO E D’AURIVA DI BAIA FELICE.

IMG-20120527-00572-e1338765519190 (1)Baia Felice e Baia Domizia Sud nel periodo estivo subiscono un incremento della popolazione turistica con una presenza media giornaliera di circa 40.000 persone nelle strutture alberghiere e case vacanza e di conseguenza sulle spiagge del litorale Domizio;

Il territorio è attraversato da n. 2 canali del Consorzio Aurunco di Bonifica, i quali lungo il percorso per sfociare nel mare di Baia Domizia, Baia Felice e Cellole, trasportano materiale di ogni genere ivi compreso materiale organico e vegetale, con un potenziale inquinamento delle acque marine .
Sono continue le sollecitazioni in merito al problema da parte dell’associazione del Consorzio Turistico Balneare di cellole e delle Associazioni Ambientaliste tra cui Baia Felix (come priorità nl Suo “Manifesto per Baia Felice”)  e le numerose denunce di Big Brother Cellole.

Infatti negli anni precedenti il Consorzio Aurunco di Bonifica ha installato 2 suoi Sgrigliatori nei canali Dauriva e Trimoletto fermando ogni tipo di materiale solido organico e vegetale di ogni specie che potenzialmente possono causare un forte inquinamento delle acque marine;

Ad oggi invece gli sgrigliatori NON sono stati ripristinati nonostante il Sindaco di Cellole, Angelo Barretta,  abbia emesso un ordinanza ( vedi allegato) già il 6 Luglio 2016 indirizzandola al Commissario Straordinario del Consorzio, Dott. Antonio Carotenuto, ed al Vice Presidente della Regione Campania con Delega all’Ambiente Dott. Fulvio Buonavitacola.

La spesa per installare gli sgrigliatori si aggira intorno ai 70.000 Euro per l’intera stagione e per una cosi piccola cifra si è sta mettendo a repentaglio la salute del mare e quella dei turisti a discapito totale della fase di rilancio del Litorale Domizio.
Il Presidente dell’Associazione Baia Felix Gaetano Moretta ha anche ricevuto, durante l’ultimo colloquio,  la garanzia del massimo impegno ed attenzione all’emergenza Torrenti da parte dell’Assessore all’ambiente del Comune di Cellole Giovanni Iovino.

Il presidente Moretta lancia il Suo appello a nome di Tutta la Comunità : “La Regione Campania ha il dovere di intervenire e subito, non è possibile lasciare senza protezione le nostre famiglie ed i nostri figli in un mare che potenzialmente può peggiorare adesso nel momento di maggior flusso turistico. E’ una priorità assoluta……”.

Visualizza l’ordinanza del Sindaco del Comune di Cellole :

> Documento_-documentiordinanzasgrigliatori <