PRIMA RIUNIONE DEL 2013 DIRETTIVO ASSOCIAZIONE BAIA FELIX

Si è svolta, oggi 14/04/2013 alle ore 10.30, presso Baia Felice la prima riunione del direttivo Baia Felix Associazione Ambientalista nel villaggio Turistico Baia Felice del Litorale Domizio. La seduta è stata aperta dal Presidente Gaetano Moretta ed erano presenti:  il Tesoriere Antonio Golino, il Coordinatore per le relazioni esterne Giuseppe Longobardi ed i consiglieri Pasqualina Sica, Mariarosaria Brando, Antonio Covone e Luciano De Marco. La seduta ha avuto lo scopo di programmare i lavori da farsi per la prossima stagione estiva. Sono stati affrontati i problemi che da sempre affliggono la Baia raccolti in precisi obiettivi e racchiusi nei punti all’ordine del giorno :

-      Presidio Forza dell’Ordine

-      Sicurezza stradale

-      Raccolta differenziata

-      Derattizzazione

-      Disinfestazione

-      Sede estiva Associazione Baia Felix

-      Varie

Nei prossimi giorni, i responsabili dell’Associazione Baia Felix, avranno un confronto con l’ amministrazione comunale di Cellole al fine di mettere a punto tutti gli interventi necessari ed allertare, anzitempo , i responsabili comunali sui rispettivi impegni  al fine di evitare che una ORDINARIA AMMINISTRAZIONE della cosa pubblica diventi SITUAZIONE DI EMERGENZA. Si è affrontato l’ argomento della sede dell’Associazione all’interno della Baia per avere la possibilità di dare corso alle nuovi iscrizioni all’Associazione per l’anno 2013 e anche per dare  agli associati un supporto sia informativo che legale. Nei prossimi giorni si procederà, pertanto, ad allestire un  ufficio ricettivo destinato a sede estiva dell’Associazione, in un locale di Viale Sicilia nei pressi del  Bar Tucano.

imagesCACYGR0Y

RICORSI CANONE ACQUA CONSUMI 2012

L’associazione promuove un’azione di annullamento in autotutela delle bollette acqua relative ai consumi 2012 che stanno arrivando in questi giorni. L’iniziativa va fatta entro il 15 aprile in modo da non precludersi l’azione legale da farsi entro e non oltre il mese di maggio, in caso di di esito negativo dell’autotutela. PER INFO SI PUO’ CONTATTARE LA STUDIO DELL’AVV. MARIANGELA MEROLA   TEL  0823/703217.         NEI GIORNI MERCOLEDI’ E VENERDI DALLE ORE 17.00 ALLE 19.00. INOLTRE SI RICORDA A TUTTI COLORO CHE HANNO FATTO RICORSO L’ANNO SCORSO DI CONTATTARE TEMPESTIVAMENTE L’AVV. MEROLA. L’azione intrapresa da Baia Felix è stata decisa a seguito del mancato impegno del Comune di Cellole sancito con l’associazione dove si impegnava ad inviare bollette a consumo e non a forfait. Infatti gia’ da noi pubblicato un articolo del Corriere di Caserta, dove l’allora vicesindaco Albino Bisecco dichiarava che si dava il via alle bollette a consumo, invece ad oggi si ricevono ancora quelle a forfait. Il Comune di Cellole, nonostante le sconfitte legali subite da tanti anni in materia di canone acqua, si rifiuta di adeguare gli importi richiesti alla legge e preferisce sostenere i costi non solo di tutti i giudizi già pendenti ma pensa “bene” di proporre appello avverso le sentenze emesse ultimamente, sostenendo i costi degli avvocati incaricati e delle iscrizioni a ruolo degli appelli, con la segreta speranza che gli altri cittadini continuino a pagare le bollette in corso di lievitazione … per far fronte a tali spese ,prodotte dall’ostinazione a rifiutare i pagamenti dei consumi corrispondenti ai costi proposti dagli utenti.!!

acqua

CORSI E RICORSI STORICI …LEGGETE…


Sono in arrivo nuovi aumenti su tutte le bollette che emetterà il Comune di
Cellole!
Nell’anno 2011 oltre cento utenti del servizio idrico del Comune di Cellole
impugnavano dinanzi ai Giudici di Pace di Sessa Aurunca le bollette dell’acqua
per l’anno 2010, calcolate a forfait, in misura uguale per tutti attribuendo
per ogni utenza il consumo di 150 metri cubi d’acqua.I ricorrenti contestavano
l’addebito fornendo l’indicazione dei propri consumi rilevati a mezzo di
contatori installati a proprie spese su indicazione fornita TRE anni prima
dallo stesso Comune. I consumi rilevati risultavano sensibilmente inferiori a
quelli richiesti, specie per quelle abitazioni del litorale abitate solo per
brevi periodi estivi.
Successivamente alla proposizione dei primi ricorsi il Comune diffondeva sul
sito ufficiale il modello di autolettura sul quale l’utente avrebbe indicato la
marca e la matricola del proprio contatore ed il consumo annuale effettuato nel
corso dell’anno 2011 . Dunque nel 2012 vengono emesse le bollette acqua per
l’anno 2011 con lo stesso criterio forfettario, cioè senza tener conto del
consumo effettivo, con la sola differenza che chi ha comunicato l’autolettura
ha avuto uno sconto di 30 metri cubi d’acqua, senza comunque considerare i dati
comunicati.Anche le bollette acqua 2011 sono state impugnate. In questi giorni
arrivano le bollette acqua 2012 determinate con lo stesso criterio illegittimo
del corrispettivo deciso arbitrariamente dal Comune, che prescinde
completamente dal controllo del consumo effettivo della singola utenza.

Da circa un mese il Comune ha notizia delle prime 90 sentenze emesse dai
Giudici di Pace di Sessa Aurunca nei confronti del Comune di Cellole, i quali
, in conformità all’orientamento giurisprudenziale più volte manifestato dai
Tribunali italiani e dalla Suprema Corte di Cassazione hanno sancito
l’illegittimità dell’addebito per consumo presuntivo ed hanno annullato i
provvedimenti relativi al canone oggetto di impugnazione.

il contenuto delle sentenze emesse non è certo innovativo, essendo conforme
alla normativa ed alla giurisprudenza vigenti, che vietano l’addebito su
consumo presuntivo.

Il Comune di Cellole, nonostante le sconfitte legali subite da tanti anni in
materia di canone acqua, si rifiuta di adeguare gli importi richiesti alla
legge e preferisce sostenere i costi non solo di tutti i giudizi già pendenti
ma pensa “bene” di proporre appello avverso le sentenze emesse ultimamente,
sostenendo i costi degli avvocati incaricati e delle iscrizioni a ruolo degli
appelli, con la segreta speranza che gli altri cittadini continuino a pagare le
bollette in corso di lievitazione … per far fronte a tali spese ,prodotte
dall’ostinazione a rifiutare i pagamenti dei consumi corrispondenti ai costi
proposti dagli utenti.!!

rubinetto_chiuso_acqua_inquinata_535981

Canone acqua arrivano le prime 90 sentenze per i ricorsi alle bollette pazze.

I Giudici di Pace di Sessa Aurunca hanno emesso le prime 90 sentenze relative
alle cause intraprese nell’anno 2011, nei confronti del Comune di Cellole, in
merito al canone acqua determinato ” a forfait” per l’anno 2010. L’Autorità
Giudiziaria di Sessa Aurunca, in conformità all’orientamento giurisprudenziale
più volte manifestato dai Tribunali italiani e dalla Suprema Corte di
Cassazione ha sancito l’illegittimità dell’addebito per consumo presuntivo ed
ha annullato i provvedimenti oggetto di impugnazione. Baia Felix auspica che il
risultato ottenuto induca il Comune a rivedere i criteri di determinazione dei
corrispettivi richiesti per la fruizione dell’acqua, che ad oggi sono rimasti
invariati nonostante le dette sentenze di condanna e la pendenza delle
impugnazioni al canone acqua determinato, in modo pressocchè analogo, per
l’anno 2011.